201812.06
0
0

2019. Un anno di eventi per Leonardo

Print Friendly
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone

L’Empolese Valdelsa celebra i 500 anni dalla morte del GenioLeonardo_autoritratto

L’anniversario dalla morte di Leonardo da Vinci (Amboise, 2 maggio 1519) è sicuramente un’occasione speciale per visitare l’Empolese Valdelsa, territorio di origine del Genio. Leonardo frequentò in lungo e in largo queste terre nel corso della sua vita e le raffigurò spesso nelle sue carte geografiche. Nel 2019, questo legame così significativo viene presentato con un ricco calendario di iniziative che interessano tutta l’area.
Evento di punta del progetto Leonardo 2019, la mostra “Leonardo a Vinci. Alle origini del genio” ospitata presso il Museo Leonardiano di Vinci. Incentrata sul tema del paesaggio quale palinsesto dell’intera opera del Vinciano e sulle testimonianze che svelano notizie, anche poco note, relative alla sua infanzia e prima giovinezza, trascorse a Vinci, la mostra vede l’attesissimo l’arrivo del disegno di Leonardo noto come “Paesaggio 8P” in prestito dal Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi, prima opera conosciuta del Genio, datata 5 agosto 1473, giorno di Santa Maria della Neve.
In questo territorio, delimitato dalle colline del Montalbano che fecero da sfondo all’infanzia di Leonardo, attraversato dal fiume Arno, studiato e rappresentato dal Vinciano nelle sue straordinarie mappe del Valdarno e reso unico oggi come allora, dalla presenza del Padule di Fucecchio, il tema centrale attorno al quale ruotano le iniziative per il Cinquecentenario, non poteva che essere il paesaggio. Una tematica estesa e affascinante che, attraverso quattro eventi espositivi che interessano altrettanti Comuni dell’Empolese Valdelsa, crea un vero e proprio fil rouge tra la città di Leonardo e il suo territorio.
In attesa di conoscere tutte le iniziative che celebreranno la memoria di Leonardo in quest’occasione irripetibile, ecco intanto alcune anticipazioni sulle cinque mostre in programma nel 2019:


15 APRILE – 15 OTTOBRE 2019
Museo Leonardiano, Vinci
Leonardo a Vinci. Alle origini del genio
La mostra co-organizzata con le Gallerie degli Uffizi, ruota attorno al disegno originale di Leonardo, Paesaggio 8P, già identificato quale veduta del Valdarno Inferiore e della Valdinievole. Da questa prima opera conosciuta di Leonardo, da lui stesso datata 5 agosto 1473, si dipana il percorso espositivo incentrato proprio sul paesaggio in cui si intravedono già il profondo interesse verso la natura, la fascinazione per l’acqua, le ricerche in campo geologico e cartografico. In questo contesto, la mostra propone una lettura del disegno da più punti di vista, da quello storico artistico a quello storico geografico, evidenziando gli elementi tematici presenti in relazione alle successive ricerche scientifiche, tecniche e ingegneristiche di Leonardo. A fianco del disegno, preziosi documenti in prestito dall’Archivio di Stato di Firenze narrano le vicende biografiche dei primi anni del Vinciano: tra questi, di grande suggestione l’esposizione del registro notarile sul quale il nonno Antonio da Vinci annotò la nascita del nipote Leonardo
Info: www.museoleonardiano.it

APRILE – NOVEMBRE 2019
Casa del Pontormo, Empoli
Leonardo e Pontormo
Nella suggestiva casa natale dell’artista, la mostra mette a confronto l’eredità artistica di Leonardo da Vinci nell’opera di Pontormo (1494-1557). Attraverso l’elaborazione di contenuti multimediali e digitali si evidenzia il lascito di Leonardo nel grande pittore empolese.
Info: www.comune.empoli.fi.it

MAGGIO – AGOSTO 2019
Gerusalemme di San Vivaldo, Montaione
La costruzione di paesaggi devozionali nell’età di Leonardo tra Europa e Terra Santa
Proprio negli anni in cui visse Leonardo da Vinci, nell’Europa cattolica, si hanno i primi esempi del fenomeno della costruzione di paesaggi devozionali a imitazione dei luoghi della Terra Santa.La mostra, allestita presso il convento di San Vivaldo, noto come la Gerusalemme di Toscana, racconta questo fenomeno complesso e interessante alla luce delle più recenti ricerche archeologiche, storiche e topografiche.
Info: www.comune.montaione.fi.it

SETTEMBRE 2019
Museo Civico, Fucecchio
Alle radici di un paesaggio leonardiano
La nuova sezione permanente del Museo di Fucecchio attraverso ricostruzioni virtuali e plastiche, supportate dai risultati delle più recenti ricerche archeologiche, affronta il tema della formazione di un paesaggio medievale intorno a uno dei luoghi rappresentati dal Vinciano nelle sue straordinarie carte del Valdarno inferiore.
Info: www.comune.fucecchio.fi.it

SETTEMBRE-DICEMBRE 2019
Palazzo Pretorio di Certaldo, Cappella di San Michele a Semifonte
Paesaggi in trasformazione tra il Medioevo e l’età di Leonardo.
Organizzata su più sedi, questa mostra, affronta il tema delle modificazioni di un paesaggio ben noto a Leonardo da Vinci nel periodo compreso dal Medioevo fino alla fine del XV secolo. Corsi d’acqua e strutture idrauliche e il caso della città scomparsa di Semifonte saranno riletti a fronte dei risultati delle ultime ricerche storico-archeologiche.
Info: www.comune.certaldo.fi.it

14 SETTEMBRE – 7 GENNAIO 2020
Villa Medicea di Cerreto Guidi
Il volo tra Pisanello e Leonardo
Nelle sale della prestigiosa dimora di campagna voluta dal Granduca Cosimo I de’Medici, e oggi sede del Museo storico della Caccia e del Territorio, rifacendosi all’originaria vocazione di questa villa, la mostra mette in luce l’importante ruolo della caccia, anche con il falcone, all’interno della società medievale e rinascimentale. Partendo dal famoso codice federiciaino “De arte venandi cum avibus”, passando attraverso la falconeria medievale e toccando gli studi naturalistici di Pisanello e della scuola lombarda, si giunge al Codice sul Volo degli Uccelli di Leonardo da Vinci che sarà qui esposto in versione facsimilare.


Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone